Le cose di Aprile (Museo del Novecento, Percorsi in Jazz, Galleria Spada ecc. #preferitidelmese)

Aprile devo dire è stato abbastanza movimentato e di conseguenza ho diverse cose di cui parlare :)

 

Il mese è cominciato con un viaggio in Toscana per il mio compleanno, prima a Firenze (città che adoro e dove cerco di tornare abbastanza spesso) e poi a Siena. A Firenze stavolta ho avuto modo di visitare un museo nuovo, ossia quello del Novecento (che si trova a Piazza Santa Maria Novella), di cui avevo sentito parlare in un documentario di Sky Arte dedicato all’alluvione del 1966. La collezione permanente è dedicata ad opere che appunto riguardano l’arte contemporanea del ’900, e ci sono tantissimi artisti interessanti (ho trovato opere di Munari – foto 8 dall’alto – De Chirico, Guttuso, Sironi ecc.) quindi merita sicuramente una visita.

Sempre a proposito di musei ma stavolta romani, sono finalmente riuscita finalmente a vedere la Galleria Spada, con la famosissima falsa prosettiva di Borromini, che negli ultimi anni famosa anche grazie alla scena con Sabrina Ferilli nel film di Sorrentino “La grande bellezza” (film che io adoro). 

Tra gli eventi di Aprile c’è stata anche la nuova edizione di “Percorsi in Jazz”, purtroppo ho perso il primo concerto di questa serie, quello di Danilo Rea che era domenica 2 Aprile (proprio quando ero in toscana) ma ho avuto modo di vedere quello successivo dove si esibivano alcuni docenti del conservatorio compreso Rea ed è stato davvero meraviglioso, come sempre.

Tra l’altro la rassegna è ancora in corso quindi se vi può interessare lascio sotto la locandina con il programma. 

Chiaramente grande protagonista del mese è la primavera, che nonostante sia una stagione terribile per via delle immancabili allergie, non manca mai di regalare spettacoli stupendi, come le esplosioni di papaveri nei prati, che è una cosa che personalmente mi lascia sempre senza fiato :)

Per quanto riguarda i film, questo mese ho recuperato “Florence” con Meryl Streep e Hugh Grant. E’ un film che mi è piaciuto molto, e tra l’altro è tratto da una storia vera, quella di Florence Foster Jenkins, che nella New York degli anni ’40 era famosa nell’alta società come mecenate ma soprattutto come cantante di musica classica per niente dotata…il marito però cercherà per tutta la vita di nasconderle la verità cercando di evitarle una delusione soprattutto quando si esibirà alla Carnagie Hall davanti ad una folla enorme e pronta a deriderla in ogni modo possibile. Ho trovato Meryl Streep immensa come sempre, ma devo dire che mi è piaciuto tanto anche Hugh Grant con il personaggio del marito, meraviglioso anche considerando che è ispirato appunto da un fatto vero. Assolutamente consigliato quindi.

Per quanto riguarda i telefilm, questo mese non è stato particolarmente interessante, ho guardato due serie nuove ed una “vintage” :)

Quella nuova è la chiacchieratissima “Tredici“, produzione Netflix, in originale “Thirteen reason why”, che è tratto dal romanzo di Jay Asher (che non ho letto). Racconta la storia di Hannah Baker, liceale americana che decide di suicidarsi e di registrare una serie di audiocassette, destinate ognuna ad ogni persona che l’ha spinta ad un gesto così disperato.

Allora devo dire che questo telefilm tratta un tema davvero molto attuale e delicato come quello del bullismo (ed anche del cyberbullismo), e come tutte le serie di Netflix è davvero ben curato. Ma pur non avendo letto il libro, che ormai è diventato una sorta di cult, devo dire l’ho trovato davvero durissimo, specialmente per la scelta di mostrare interamente la scena del suicidio, oltre a tutti i tipi di violenze possibili, e non soltanto verbali. Ma il messaggio ovviamente è chiarissimo, parole e gesti hanno sempre un grandissimo peso, e il suicidio non potrà essere mai una consolazione. Quindi per quanto sicuramente per niente edulcorato, capisco queste scelte ma non so se effettivamente lo consiglierei…temo  forse un effetto emulazione di tutte le cose narrate, ma in ogni caso sono argomenti di cui si deve parlare al giorno d’oggi, specialmente con gli adolescenti. Ho trovato il cast davvero incredibile a partire dalla bravissima protagonista (Katherine Langford), e mi è piaciuta particolarmente Kate Walsh, famosa per la parte di Addison Montgomery in “Grey’s Anatomy” e “Private Prictice”.

Ho scoperto poi l’uscita di una serie di tutt’altro genere ispirata al film del 2000 “Frequency“, che mi è sempre piaciuto molto, ma al posto del protagonista maschile che nel film era Jim Caviezel, stavolta c’è una ragazza. Se vi piace il tema dei viaggi nel tempo, o della manipolazione degli eventi spazio temporali, questa serie è sicuramente adatta a voi. Francamente il film era un’altra cosa, ma ho visto soltanto le prime due puntate e probabilmente continuerò a vederlo. 

Forse quello che più mi ha catturata questo mese è “Top secret“, si tratta di un telefilm americano andato in onda tra il 1983 e il 1987 di cui stranamente non avevo mai sentito parlare ma che ho trovato tra i suggerimenti di Pinterest :D Racconta le avventure di una casalinga americana (interpretata dall’ex Charlie’s Angel Kate Jackson) che per puro caso si ritrova a collaborare con i servizi segreti. Come tutte le serie americane degli anni ’80 è davvero godibilissimo, lo consiglio. 

 

Per quanto riguarda la musica, l’unica canzone che mi sia piaciuta abbastanza questo mese è il nuovo singolo di Francesco Renga, “Nuova luce“. Anni fa Renga mi piaceva molto, poi mi aveva un pò delusa e ho smesso di ascoltarlo, ma devo dire che questo pezzo mette la giusta allegria.

Aprile è stato segnato purtroppo anche dalla morte di un’attrice che in qualche modo ha contrassegnato la mia infazia, sto parlando di Erin Moran, la Joanie di Happy Days….Questa notizia mi ha molto rattristata, specialmente per via di alcune polemiche che ci sono state e che ho trovato abbastanza fuori luogo. Ma mi piacerebbe rivedere l’intera serie di Happy Days e non è detto che non faccia presto una bella maratona. 

 


Chiudo come sempre con i link che più mi hanno colpita, il più interessante secondo me è la storia di un fan di Haruki Murakami che ha messo online su Spotify gran parte dell’immensa collezione di vinili dello scrittore (che ne possiede circa 10.000).

Bene queste sono state più o meno tutte le cose che hanno caratterizzato il mio mese di Aprile. Com’è andato il vostro?

Grazie come sempre a chi è arrivato fin qui! :)

Tags: , , , , , , ,

Nessun commento presente

Feed dei commenti

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Codice di sicurezza: